Che c’entra una agenzia web con le traduzioni dei siti internet?

Quando un’azienda si affida a una agenzia web per realizzare un sito web multilingua su cui poi sarà sviluppato anche un progetto di web marketing, le traduzioni sono spesso un tasto dolente.

Le variabili in gioco, infatti, diventano molte. Molte aziende credono che Google Translate sia la panacea a tutti i mali di chi non conosce una lingua straniera, ma non è così. La traduzione web è un lavoro molto serio e complesso, che richiede specifiche competenze linguistiche e, in molti casi, anche di seo copywriting.

Andiamo per gradi e vediamo alcuni aspetti interessanti che possono diventare utili spunti di riflessione per comprendere come mai una web agency ha a cuore che le traduzioni dei siti web che sviluppa siano ben fatte.

Chi fa le traduzioni di un sito web?

Le traduzioni sono compito dei traduttori che lo fanno di mestiere. Non sono lavoro per il ‘cuggino’ che ha vissuto due mesi a Londra, né di Google. Per tradurre bene un testo è necessario conoscere una lingua ad alti livelli e sapere come si fa una traduzione professionale.

Sinceramente, come agenzia web, ci siamo trovati spesso in difficoltà anche con traduzioni di agenzie sedicenti ‘specializzate’. Tante volte siamo arrivati al momento di caricare sul sito web testi tradotti a livelli davvero scadenti.

Probabilmente i non esperti in materia non lo sanno, ma quasi tutte le agenzie di traduzione utilizzano memorie di traduzione, ovvero i CAT tools (computer assisted translation). L’intervento ‘umano’ avviene per gradi, spesso in base alla tariffa pagata per la traduzione. Diciamo pure che sono davvero efficaci per testi tecnici con gerghi professionali consolidati.

Capita di frequente, quindi, che aziende inesperte, scelgano tariffe in cui la revisione è molto marginale e, non avendo conoscenza ad altissimi livelli della lingua straniera, non sono in grado di giudicare il lavoro ricevuto.

Una valida alternativa è rivolgersi a traduttori freelance, meglio se hanno già esperienza di traduzioni per siti web. Le tariffe saranno inevitabilmente diverse da quelle di un’agenzia, ma tradurre, bene, richiede tempo e da ciò deriva un prezzo che non si aggira a pochi centesimi a parola. Tuttavia, in Italia la tariffa di un traduttore è mediamente inferiore del 40% rispetto al resto d’Europa.

Le traduzioni di siti web come strumento di marketing

Il nodo della questione è comprendere il valore aggiunto di una traduzione ben fatta. L’azienda riesce a ottenere uno strumento di lavoro estremamente efficace e questo vale soprattutto quando si tratta di tradurre testi e schede prodotto di e-commerce. Un contenuto ben tradotto è la porta di accesso a una potenziale conversione, all’acquisizione di un cliente o di un contatto che è riuscito a comprendere bene quello che l’azienda desiderava comunicargli.

In poche parole, l’efficacia di un messaggio in lingua straniera dipende dalla qualità della traduzione. Il principio che tutti dovrebbero seguire è che se una traduzione è fatta con i piedi, è meglio non utilizzarla.

Facciamo un breve ragionamento. L’azienda contatta una agenzia web per rifare il vecchio sito ormai troppo datato. L’obiettivo è avere un sito internet attuale, ottimizzato e con cui fare conoscere i servizi/prodotti in tutta Italia e all’estero attraverso attività di content marketing. Nel momento in cui scrive i contenuti, si affida al copywriter interno alla web agency, perché vuole essere certo di avere testi ben scritti, efficaci e pronti per fare attività di posizionamento sui motori di ricerca.

E quando arriva il momento di tradurre quegli stessi testi? Logica vorrebbe che si seguisse, per coerenza, un approccio altrettanto preciso e professionale, ma troppo spesso il risultato è un fallimento su tutta la linea.

Si dirà, ma che competenze può avere una web agency nel campo della traduzione. In realtà, le traduzioni - ben fatte - sono uno strumento importantissimo per fare posizionamento di un sito web in mercati esteri, e non solo in Italia. Non è raro poi, come nel nostro caso, che un copywriter interno abbia competenze anche nelle lingue straniere.

SEO e traduzioni

Difficilmente sarà l’agenzia web ad occuparsi del progetto di traduzione, ma quando l’azienda si rivolge a un traduttore esperto, capita di frequente che definisca alcune linee guida per effettuare traduzioni ottimizzate. Potrebbe, ad esempio, creare glossari sulla base di analisi delle keyword o indicare specifici contenuti in cui è necessaria una traduzione quasi a livello di riscrittura (in gergo tecnico si chiama transcreation).

Alla fine si traduce un sito web per ridurre la distanza linguistica tra un utente che non parla Italiano e il nostro lavoro e ai nostri servizi. È molto importante che sia ben leggibile, fluida, corretta e se necessario adattata al contesto linguistico a cui ci si rivolge.

Non entriamo in merito alla scelta delle lingue in cui tradurre il proprio sito web, perché dipenderà dai mercati in cui l’azienda desidera farsi conoscere. Tuttavia, è possibile prendere spunto consultando un tool gratuito, Google Market Finder, specifico per l’export. Permette, infatti, di osservare quali sono i mercati dove può essere più proficuo fare business online in base al prodotto/servizio. Si possono consultare statistiche, dati demografici, medie di ricerche mensili pertinenti al settore di riferimento, e ottenere così tre dei mercati migliori.

 

Una corretta traduzione, anche se fatta senza uno specifico progetto di web marketing in mente, fa parte di quegli elementi che comunicano coerenza e professionalità a un utente che naviga nel nostro sito. Diventa quindi un dettaglio importante nella costruzione dell’identità e dell’autorevolezza web di un’azienda. Una agenzia web non si occuperà direttamente delle traduzioni, ma ha senza dubbio il compito di guidare i propri clienti verso scelte logiche, professionali ed efficaci.

Francesco|Borgianni
FrancescoBorgianni