Com'è una scheda prodotto perfetta per un e-commerce?

In un’e-commerce le schede prodotto sono molto importanti. Riduttivo come incipit? Be’, dipende, considerato che moltissimi e-commerce italiani ne sottovalutano il ruolo. Il problema è che le schede prodotto sono un tipo di contenuto che richiede molto lavoro. È inutile menare il can per l’aia e le aziende questo tempo non sempre ce l’hanno.

Il ruolo dell'agenzia web

Ecco quindi tre possibili scenari con cui una agenzia web può affiancare l'azienda nell'elaborazione delle schede prodotto:

  • L’agenzia può creare completamente i testi e inserirli nel sito web; 
  • Può formare l'azienda (se ha una persona interna da dedicare a questo) per scrivere schede prodotto efficaci;
  • Può occuparsi della fase di editing dei testi creati dall'azienda oppure una volta importati dal gestionale.

Quale di queste tre opzioni scegliere? Dipende dal tipo di realtà aziendale e da come è strutturata. Ma in linea di principio, se un’azienda non ha tempo o non ha persone dedicate a seguire lo shop online, la situazione migliore è quella di affidare la creazione delle schede prodotto all’agenzia web.

Il ruolo dell'agenzia è quello di guidare il cliente verso la situazione più performante. Vale a dire che sarà suo compito definire la soluzione migliore in termini di costi e benefici, così da ottimizzare al meglio la pubblicazione dell’e-commerce.

Cosa scrivere in una scheda prodotto perfetta?

In una scheda prodotto deve esserci tutto quello che è necessario e utile per vendere il prodotto in questione. Un po’ come quando un venditore di un negozio spiega nel dettaglio ciò che sta offrendo al proprio cliente.

Infatti, come web agency non facciamo altro che ripetere che uno degli errori più gravi da evitare assolutamente quando si progetta un e-commerce è di credere che i prodotti si vendano da soli. Non è così.

La mercanzia va presentata bene ed è così dai tempi dei mercanti medievali. In un e-commerce siamo addirittura in svantaggio, non potendo intercettare i clienti attraverso tutti i sensi. Non possiamo usare né l’olfatto, né il tatto, né il gusto. Abbiamo solo la vista e l’udito a nostra disposizione ed è essenziale sfruttarli al 100% per acquisire nuovi potenziali clienti.

Se presentiamo un prodotto con poche o nessuna immagine, se scriviamo due parole in croce per introdurlo al potenziale acquirente, difficilmente finalizzeremo la vendita e in più mostreremo un sito internet di basso livello.  

Quindi, un progetto web ben strutturato deve prevedere la creazione di schede prodotto esaustive, ricche di testi e immagini, in grado di informare, incuriosire, tentare e rassicurare il cliente.

Cosa deve esserci, quindi, dentro una scheda prodotto perché funzioni? Vediamolo insieme.

Gli elementi immancabili in una scheda prodotto

Quando una agenzia web definisce insieme all’azienda il progetto per la creazione dell’e-commerce chiede per prima cosa testi e fotografie e gli scenari possibili sono due: l’azienda ha un gestionale popolato con immagini e schede prodotto (anche se spesso sono schede tecniche poco ‘coinvolgenti’ per l’utente) oppure non ha nulla.

Nel primo caso, è possibile prevedere un’importazione e una sincronizzazione tra gestionale e e-commerce. Questo sia per quello che riguarda le schede, ma anche per giacenze e prezzi.

Nel secondo caso, invece, il lavoro deve essere organizzato, perché senza contenuti un e-commerce non ha ragione di esistere. Non ci sarebbero campagne pubblicitarie o strategie di social media marketing in grado di invertire un ineluttabile fallimento.

Che i contenuti li prepari il copywriter e il fotografo della web agency o che li scriva una persona interna all’azienda opportunamente guidata da un web marketer, le schede prodotto devono contenere:

  • Nome del prodotto e del brand (a meno che lo shop venda solo prodotti a proprio marchio);
  • Una o più immagini che mostrino il prodotto in quante più prospettive possibili o eventualmente un video di presentazione;
  • Prezzo ed eventuale sconto/offerta applicato;
  • Descrizione del prodotto quanto più completa ed esaustiva possibile e che non sia un mero lavoro di copia-incolla da altri e-commerce;
  • Specifiche tecniche, scadenze, modalità d’uso, ingredienti, valori nutrizionali, ecc. (dipenderà dal tipo di merce in vendita nell’e-commerce).

Rassicurare, incuriosire, trattenere

Oltre a questo, è possibile prevedere altri dettagli che hanno un grande valore in una strategia di web marketing. Si tratta di accortezze che possono rendere l’esperienza di acquisto più coinvolgente, se non essere addirittura veri strumenti capaci di aumentare il tasso di conversione complessivo dell’e-commerce. Eccone alcune che come agenzia web adottiamo spesso nei nostri progetti:

  • Rassicurazioni per il cliente (termini di pagamento, resi, spedizioni gratuite, ecc.);
  • Recensioni, sia lasciate direttamente sul sito, sia provenienti da piattaforme come Feedaty o Trustpilot (è possibile incorporare un widget in ogni scheda);
  • Prodotti correlati;
  • Social wall, per mostrare a chi non utilizza Facebook o altri social network, come l’azienda comunica con l’esterno.

 

Ovviamente sono solo alcuni esempi, perché ogni e-commerce è un progetto a sé e il tipo di prodotto venduto influenza molto la struttura della scheda. Tuttavia, possiamo affermare con certezza che quanto elencato poco sopra è di vitale importanza per la riuscita di un negozio online.

Francesco|Borgianni
FrancescoBorgianni