Pubblicità online: tipologie e canali

Nel marketing online la pubblicità è parte integrante di molte strategie. Come agenzia web marketing prevediamo spesso l’integrazione di campagne pubblicitarie a pagamento da affiancare ad attività di ottimizzazione e posizionamento.

Pubblicità a pagamento, SEO, article marketing, sono tutte forme pubblicitarie, non c’è dubbio. E in un certo senso sono tutte a pagamento. Anche pagare un’agenzia che si occupa di article marketing è una forma di investimento pubblicitario, ma ciò che differenzia le varie forme pubblicitarie è soprattutto il traffico che sono in grado di generare.

Infatti, è importante sapere che esistono diverse tipologie di traffico web:

  • il traffico da posizionamento organico
  • il traffico a pagamento
  • il traffico da referral
  • il traffico diretto

Queste tipologie di traffico si sviluppano attraverso canali differenti: motori di ricerca, social network, e-mail, solo per citare i più importanti.

Ogni tipologia di traffico è alimentata quindi da strategie diverse. Il traffico a pagamento è originato dalla pubblicità online a pagamento, un termine davvero ampio che racchiude a sua volta diversi tipi di advertising e di canali. Una agenzia web che si occupa di web marketing li conosce e li utilizza selezionandoli in base a tre criteri:

  • budget disponibile
  • target di riferimento
  • obiettivo della campagna

Ma vediamo insieme quali sono le tipologie di pubblicità online a pagamento che un web marketer ha a sua disposizione per generare traffico web.

Tipi di pubblicità a pagamento su Internet

Annunci display

Gli annunci display sono banner composti di grafica e testo. Esistono diversi formati e collocazioni all’interno di siti web ‘ospitanti’. Senza dilungarsi nelle terminologie tecniche, basti sapere che il punto in cui il banner è collocato ne determina una maggiore o minore efficacia.

Gli annunci display possono essere acquistati direttamente sul sito o portale ospitante, previo accordi su durata e collocazione della pubblicità. Oppure, possono essere pubblicizzati tramite la rete display di Google.

Le pubblicità a pagamento sulla rete display non permettono di selezionare in modo esatto i siti web o i portali in cui il banner sarà mostrato, ma sarà il budget investito e la qualità della campagna a permettere che il banner sia visibile in siti pertinenti al profilo del target e dei suoi interessi.

Se desideriamo mostrare la nostra pubblicità display su un sito web o su un blog in particolare, allora dovremmo accordarci per una campagna a pagamento direttamente con l’amministratore del sito o con il responsabile relazioni pubbliche.

Social media advertising

I social network sono parte integrante della nostra quotidianità. Sono un canale con cui le persone condividono, comunicano e si scambiano opinioni. Lo strumento perfetto per stimolare il passaparola contemporaneo.

Creare campagne pubblicitarie su queste piattaforme (Facebook, Instagram, YouTube, LinkedIn) è spesso essenziale nel caso in cui si desideri fare branding (ovvero far conoscere il brand e i suoi servizi) e per acquisire potenziali clienti. Le campagne pubblicitarie social possono essere utili anche per lanciare nuovi prodotti sul mercato rivolgendosi a un pubblico molto profilato per interessi e caratteristiche socio-demografiche.

Video pubblicitari

I contenuti video sono uno strumento d’intrattenimento molto potente. Va da sé, quindi, che utilizzarli come contenuti pubblicitari è un’idea vincente. Esistono vari tipi di video pubblicitari: gli spot veri e propri, video di YouTuber che fanno recensioni dei prodotti, video dimostrativi che possono essere utilizzati anche nel sito web per migliorarne il posizionamento.

I video, inoltre, sono perfetti per essere condivisi sui social network e, se ben fatti, possono diventare ottimi strumenti di viral marketing. Le potenzialità dei video, sia come forme pubblicitarie, sia come veri e propri contenuti, sono infinite. Un dato è sufficiente per comprendere quanto siano importanti per una agenzia di web marketing: l’87% dei professionisti di marketing utilizzano i video come strumento operativo, considerando che in una settimana, nel 2019, un utente ha passato in media 7 ore a guardare video online.

PPC (pay per click)

Detto in parole semplici, è la pubblicità che si paga ogni volta che un utente fa click sull’annuncio sponsorizzato nella rete di ricerca di Google. L’obiettivo è acquisire visite al sito web tramite pubblicità. La strada del ppc marketing è più rapida rispetto a quella de posizionamento organico, ma ha una maggiore volatilità.  

Remarketing

Il remarketing è una strategia per aumentare le conversioni. Il principio è quello di dare una sorta di ‘promemoria’ a clienti e utenti di ritorno che hanno mostrato già un interesse verso il brand o l’azienda.

Con il remarketing, i banner pubblicitari dell’azienda compariranno in qualsiasi sito web (purché abbia attivi spazi per il remarketing) gli utenti visitino dopo essere stati in quello dell'azienda. Si tratta di un tipo di pubblicità molto utile per aumentare le vendite e le conversioni, unendo al contempo un lavoro di brand awareness molto efficace. Il canale con cui effettuare le campagne di remarketing è sempre Google Ads.

E-mail marketing

Le e-mail come strumento pubblicitario funzionano se ben targettizzate. Significa che affinché un utente le apra, le legga e clicchi sul link proposto devono essere pertinenti ai suoi acquisti, ai suoi interessi, al suo linguaggio. Impossibile credere che nel 2020 non ci sia una personalizzazione delle e-mail in base al profilo utente.

A questo serve la marketing automation, un argomento molto vasto che tratteremo in un nuovo articolo. Basti sapere che si tratta di stumenti in grado di ottimizzare al massimo l’invio delle e-mail a fini di marketing. 

 

Un dettaglio da tenere sempre presente nella definizione di una strategia di web marketing è che l’acquisizione di un nuovo cliente costa sette volte di più del mantenimento di uno già acquisito. È evidente, perciò, che una agenzia web marketing è importante definire strategie pubblicitarie differenti in base alla tipologia di utenti e agli obiettivi, modulando un progetto che nel suo insieme riesca a intercettare quante più esigenze possibili e a ottimizzare le conversioni.

Francesco|Borgianni
FrancescoBorgianni