Perché per un’azienda è importante analizzare i dati web?

Il dato è una guida, l’analisi serve per comprendere un mondo digitale incentrato sull’utente. Sono i ‘navigatori’ della rete a fornire informazioni di inestimabile valore per la creazione di una strategia di web marketing e di business vincenti.

L’istinto negli affari è una componente importante, ma non basta, considerando che nel mondo del web tutto parte sempre da una ricerca, mossa da un bisogno, da una curiosità, da un desiderio. La tua azienda si rivolge a un mercato, a un audience di potenziali clienti che nel web lasciano dietro di sé dati relativi al loro comportamento come visitatori, come acquirenti e follower social.  

Come una agenzia web analizza i dati

Partiamo subito specificando che è importante studiare sempre dati acquisiti in conformità alla tutela della privacy. I più grandi tool utilizzati dalle web agency preposti a questo sono perfettamente adatti allo scopo.

Per poterli analizzare, infatti, i dati devono essere ‘registrati’ o rintracciati. Significa collegare al sito web e ai social network aziendali strumenti di monitoraggio come Google Analytics, SEMRush o Matomo, solo per fare alcuni esempi di marketing tool più performanti.

L’analisi dei dati può essere di tipo qualitativo o di tipo quantitativo, e in entrambi i casi è lo strumento con cui una agenzia web ha modo di capire quale strategia adottare, se le attività svolte in un progetto stanno funzionando o su quali aspetti intervenire per migliorare le performance e arrivare agli obiettivi desiderati. I dati, quindi, sono una bussola non solo per l’azienda, ma anche per l’agenzia preposta alle attività di marketing.

Come agenzia web prevediamo quasi sempre due analisi preliminari distinte ma correlate: l’analisi del sito web e l’analisi del mercato di riferimento. Con questa panoramica di partenza abbiamo già sotto mano una buona quantità di dati che permettono di definire quali sono le criticità, i punti di forza e le strade percorribili più funzionali agli obiettivi aziendali.

Quali e quanti dati si possono analizzare?

Quali dati si possono analizzare? Tantissimi. L’importante è concentrarsi su quelli di rilievo per il proprio obiettivo. Resta di fatto che alcuni dei più utili e imprescindibili sono:

  • Caratteristiche socio-demografiche degli utenti (percentuali di uomini e donne, età, aree geografiche, lingua, interessi, interessi correlati)
  • Dispositivi con cui il sito web è visitato e con quali sistemi operativi
  • Comportamenti di navigazione
  • Pagine più visitate
  • Prodotti più acquistati
  • Contenuti più letti
  • Percentuali di traffico per tipologia di acquisizione (diretto, organico, a pagamento, referral)
  • Visite uniche mese
  • Frequenza di rimbalzo
  • Tempo medio di permanenza sul sito e sulla pagina
  • Parole chiave per cui il sito è posizionato sui motori di ricerca
  • Tasso di conversione (acquisti, iscrizione newsletter, download)

Anche se la lista per un marketer può sembrare davvero riduttiva, la verità è che per molte aziende questa è già una mole d’informazioni davvero estesa. Sono tantissime le aziende che non hanno cognizione di quali e quanti dati si possano osservare online. Altrettante non si spingono a fondo nell’analisi come strumento strategico.

A cosa serve fare data analysis?

Un dato è utile quando è analizzato in base alle caratteristiche di un progetto e degli obiettivi definiti. Gli strumenti di monitoraggio forniscono davvero un’infinità di dati, per cui è essenziale capire a quali dare la priorità in base agli obiettivi prefissati.

Utilizzare l’analisi dei dati, ad esempio, permette:

  • di fare una proiezione dei costi che probabilmente l’azienda dovrà sostenere per essere competitiva nel mercato a cui si rivolge;
  • di conoscere quali sono i prodotti o servizi più adatti per i propri utenti;
  • di monitorare quali prodotti o servizi sono più performanti;
  • di seguire i trend di mercato;
  • di ottimizzare gli investimenti verso campagne e azioni con risultati migliori;
  • di risolvere criticità nella navigazione o nel customer journey;
  • di dirottare strategie pubblicitarie verso i canali che mostrano miglior rendimento di conversione;
  • di capire se la strategia adottata sta funzionando.

Come agenzia web diciamo sempre ai nostri clienti che è molto importante creare una strategia di marketing utilizzando sempre almeno le informazioni che provengono dall’analisi del dato relativo a target, mercato e concorrenza. Il dato diventa così la base con cui definire la value proposition che ti distinguerà dal resto dei competitor e le caratteristiche delle buyer persona (caratteristiche comportamentali, interessi, bisogni e aspettative).

Se il dato costruisce una strategia, il dato ne conferma o meno anche il successo. Il monitoraggio, infatti, è tanto importante quanto l’analisi, perché è una fase in cui si ha la possibilità di aggiustare il tiro, confermare le scelte prese, capire dove intervenire con più vigore affinché si possano raggiungere i risultati desiderati.

Analisi del dato e SEO

Infine, ma non per importanza, uno dei dati più importanti per quel ramo del web marketing che è la SEO sono le keyword. Cosa cercano gli utenti? Con quale frequenza? Come definiscono il mercato attraverso i loro bisogni, le loro richieste?

Per capire il panorama semantico in cui un business ha possibilità di successo è necessario analizzare le parole chiave utilizzate nelle query di ricerca e i dati a esse correllati, ovvero difficoltà di posizionamento, livello di concorrenza, trend stagionale, numero di ricerche mese. Un’analisi nell’analisi, insomma.

Entrando nello specifico nel mondo della SEO e del posizionamento, è importante comprendere che esiste una platea di dati relativi nello specifico allo stato di salute del sito web, come la velocità di caricamento, la crawability, l’indicizzazione, la visibilità e l’autorevolezza.

 

I dati possono dirci se è il sito il punto debole dell’azienda, oppure se lo è l’assenza di contenuti che rispondano alle esigenze reali degli utenti. Può capitare, invece, che dall’analisi del dato si capisca che gran parte delle attività di marketing condotte non stanno dando i risultati attesi. Una agenzia web deve essere pronta a tutto.

Conoscere le informazioni che i dati contengono, che come detto sono sia di tipo qualitativo che quantitativo, è una posizione di vantaggio con cui definire una strategia di web marketing e un progetto di sviluppo web. I dati a volte sono deludenti, altre incoraggianti, altre ancora impauriscono, ma sono lo specchio del mondo a cui vorrai rivolgerti. Ignorarli significa giocare una partita alla cieca.